Contenuto Principale

Animali: in Toscana arriva la legge per i cimiteri

Illustrata la proposta per permettere anche a privati e associazioni di far sorgere cimiteri per gli animali d'affezione, cani, gatti e altre specie non destinate all’allevamento per alimentazione. Presentate anche alcune modifiche migliorative sulle disposizioni in materia di farmaci in merito all'uso terapeutico dei cannobinoidi.

Firenze – A illustrarla questa mattina in commissione Sanità, presieduta da Marco Remaschi (Pd), è stata la consigliera Lucia De Robertis (Pd). Lucia De Robertis è firmataria della proposta assieme ai consiglieri Eugenio Giani (Pd), Vanessa Boretti (Pd), Ivan Ferrucci (Pd), Nicola Danti (Pd) e Marta Gazzarri (Tcr).

Come ha spiegato De Robertis, al momento non esiste una normativa che permette a soggetti privati di aprire cimiteri per gli amici dell’uomo, ovviamente in aree destinate a questo scopo. Solo i Comuni possono farlo, ma data la scarsità di risorse non sono molte le iniziative in questo senso. Così molti animali domestici deceduti finiscono per essere smaltiti, peraltro impropriamente, assieme ai rifiuti speciali ospedalieri. La legge prevede che i privati stipulino un’apposita convenzione con le amministrazioni per i servizi cimiteriali, in maniera da evitare eccessi o speculazioni.

Durante la seduta della Commissione è stata illustrata un’altra proposta di legge presentata dalla consigliera Monica Sgherri(Fed.Sin.-Verdi). L’atto vuole apportare alcune modifiche migliorative alla legge “Disposizioni organizzative relative all’utilizzo di talune tipologie di farmaci nell’ambito del servizio sanitario regionale” e riguarda l’uso terapeutico dei cannobinoidi. Si prevede innanzitutto, come ha spiegato Sgherri, che la prescrizione possa essere fatta anche dal medico generico sulla base di un piano terapeutico dello specialista. Inoltre, sull’esempio di una legge dell’Abruzzo non impugnata dal governo nazionale, si propone di identificare un istituto autorizzato, nello specifico l’Istituto farmaceutico militare, per la produzione di farmaci a base di cannabis. Attualmente questo tipo di farmaci è acquistato in Olanda a carissimo prezzo.

Entrambe le proposte di legge saranno sottoposte nei prossimi mesi a consultazioni e all’esame in Commissione.

(Consiglio Regionale ToscanaConsiglio Regionale Toscana, comunicato stampa 3 luglio 2014, n. 669)

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU