Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Osservatori astronomici in Toscana

Dove è possibile osservare e studiare fenomeni celesti attraverso strumentazioni tecnologiche e con l'assistenza di esperti del settore.

Sotto il cielo della Toscana è il titolo di un film del 2003 ambientato a Cortona (Arezzo) perfetto per richiamare alla mente le meraviglie astronomiche che sono visibili ad occhio nudo o con telescopi dalla meravigliosa terra del Chianti e non solo.

La Toscana è infatti una regione "ricca" di osservatori astronomici e gruppi di astrofili che amano trascorrere le notti in celeste ammirazione.

Ecco una guida completa agli osservatori astronomici con indirizzi e dettagli sulla strumentazione usata:

  • Arcetri (Firenze): Osservatorio Astrofisico - Appartenente all'INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica), l'osservatorio è stato inaugurato il 27 ottobre 1872 e si trova nei pressi di Villa Il Gioiello, ultima dimora di Galileo Galilei. Conserva il telescopio Amici, intitolato al direttore del vecchio osservatorio astronomico La Specola, l'ingegner Giovanni Battista Amici morto a Firenze nel 1863
  • Barberino Val d’Elsa (Firenze): Osservatorio Polifunzionale del Chianti - Gestito dal Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze, il complesso astronomico è attivo dal 7 luglio 2013 e si compone di 4 osservatori: ambientale, astronomico, geosismico e meteorologico. Svolge attività scientifica, visite guidate, visite scolastiche, conferenze, corsi ed attività collaterali come concerti, teatro e mostre d'arte
  • Capannori (Lucca): Osservatorio Astronomico di Capannori - Stazione osservativa collocata nella frazione di Vorno, sul Monte della Gallonzoragesita dall'Istituto Ricerche Fotometriche (I.R.F.). L'osservatorio è sia astronomico sia ambientometrico (monitoraggio delle polveri in atmosfera). Telescopio principale: telescopio catadiottrico da 30 cm di apertura
  • Galceti (Prato): Osservatorio del Centro di Scienze Naturali - Planetario ed osservatorio realizzati in collaborazione con il Gruppo Astrofili Quasar. Telescopio principale: Newton Cassegrain con uno specchio di 26 cm
  • Montecatini Val di Cecina (Pisa): Astronomical Association - L'osservatorio è una struttura finalizzata per gran parte alla ricerca scientifica: i suoi telescopi sono impegnati in survey di oltre 4500 galassie dell’emisfero boreale e osservazioni di oggetti celesti a fini di ricerca in astronomia, astrometria e astrofisica. Telescopio principale: Newton 406 mm CT 16 Orion Optic
  • Montespertoli (Firenze): Osservatorio Astronomico San Giuseppe - Inaugurato e aperto al pubblico il 27 luglio 1990, dal gennaio 1997 è divenuto delegazione territoriale UAI (Unione Astrofili Italiani) per il territorio di Montespertoli. Telescopio principale: Schimth-Cassegrain di 254mm di diametro a f/10
  • Monticiano (Siena): Osservatorio Astronomico di Villa Ferraia - Situato su una collina a 350 m sul livello del mare e immerso nel bosco, fa parte del circuito UAI (Unione Astrofili Italiani). Telescopio principale: Meade LX 200 R14'' f/10 con GPS
  • Peccioli (Pisa): Osservatorio Astronomico Galileo Galilei - L'osservatorio è stato inaugurato il 28 ottobre 2006 ed è gestito dall'Associazione Astrofili Alta Valdera. Telescopio principale: riflettore Ritchey - Chretien (Marcon) da 500mm e rifrattore Apocromatico da 180mm f/9
  • Piombino (Livorno): Osservatorio Astronomico di Punta Falcone - Ricavato da una postazione telemetrica appartenente ad una batteria costiera antinave in uso durante la seconda guerra mondiale, l’osservatorio è gestito dall’Associazione Astrofili di Piombino (CAAT). Telescopio principale: Ritchey-Chrétien, diametro 360 mm, focale 2880 mm, realizzato da Officina Stellare
  • Roselle (Grosseto): Osservatorio Astronomico Comunale - L'osservatorio, inaugurato il 13 settembre 1986, ha riaperto nel 2008 dopo una temporanea chiusura ed è attualmente funzionante. Telescopio principale: riflettore del diametro di 41 cm utilizzabile in 3 diverse configurazioni ottiche (diretta, 2 m di focale, f/4,9; Cassegrain 7 m di focale, f/17,1 e Cassegrain 30 m di focale, f/73,2), su montatura equatoriale alla tedesca, equipaggiata con 4 motori passo-passo (1 per i movimenti lenti e 1 per i movimenti rapidi su ognuno dei 2 assi) comandati da un'apposita centralina digitale
  • San Casciano Val di Pesa (Firenze): Osservatorio Astronomico Torre di Luciana - E' gestito dal Comune. Telescopio principale: apertura 25 cm
  • San Marcello Pistoiese: Osservatorio Astronomico Pian de' Termini - Realizzato nel 1991, è gestito dal Gruppo Astrofili della Montagna Pistoiese. Telescopio principale: Newton Cassegrain da 60 cm
  • San Romolo (Firenze): Osservatorio Astronomico Margherita Hack - Telescopio principale: Meade LX200 10" f/10
  • Santa Maria a Monte (Pisa): Osservatorio Astronomico di Tavolaia - La struttura, inaugurata nel 1999, è gestita dall’Associazione Astronomica Isaac Newton (CAAT). Telescopio principale: riflettore di 400 mm di apertura in configurazione modificabile Newton/Cassegrain (f/5 la prima, f/20 la seconda)
  • Sovicille (Siena): Osservatorio Astronomico provinciale di Montarrenti - Dotato di una tra le più importanti strumentazioni nel panorama astronomico amatoriale nazionale. Telescopio principale: Ritchey-Chretien D. 0,53mt. - F. 4600mm su montatura equatoriale a forcella, dotato di sistema di puntamento automatico - Dub Optika
  • Stazzema (Lucca): Osservatorio Astronomico Alpi Apuane - Di proprietà del Gruppo Astronomico Viareggio, è al momento in ristrutturazione. Telescopio principale: riflettore newtoniano "Marcon" da 200 mm di diametro con focale di 1200 mm

(ToscanaGo, 21 dicembre 2016)


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Notizie collegate

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU