Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Arcipelago toscano: speciale mare

Una leggenda narra che la dea Venere, al momento di emergere dalle acque del Tirreno, lasciò andare sette perle della collana che portava al collo che, cadendo in mare, si trasformarono nelle sette isole dell’Arcipelago Toscano.

  • Capraia - Il delfinario naturale
  • Elba - La perla tra le perle
  • Giannutri - La mezzaluna delle dee
  • Giglio - Il fiore dell'arcipelago toscano
  • Gorgona - La perla più piccola
  • Montecristo - L'isola del monastero
  • Pianosa - L'isola dei fantasmi
  • Leggi anche l'articolo sull'Argentario, l'isola che non c'è (più)
  • Isole di Toscana - Agenzia per il turismo dell'arcipelago
  • Scopri il Progetto Thesaurus: i robot sottomarini per le ricerche archeologiche subacquee nell'Arcipelago Toscano

Le isole sono dislocate di fronte alla Maremma Toscana e poco lontano dalle coste della Corsica: l’Elba è la maggiore seguita dal Giglio, Capraia, Montecristo, Pianosa, Giannutri e infine Gorgona, la più piccola. Sono comprese nell’Arcipelago altre isole più piccole, secche e scogli.

L'arcipelago è bagnato da quattro mari: il Mar Ligure a nord dell'isola d'Elba, il Canale di Piombino a est, il Mar Tirreno a sud e il Canale di Corsica a ovest delle coste elbane. Le isole di Capraia, Pianosa, Gorgona, Montecristo e Elba appartengono alla provincia di Livorno (maremma livornese). Le isole di Giannutri e Giglio si trovano di fronte al Monte Argentario e appartengono alla provincia di Grosseto (maremma grossetana).

Le caratteristiche naturali delle isole e la loro unicità sono state preservate grazie alla scarsa presenza dell’uomo. Ogni isola ha una differente formazione geologica che ne ha determinato le caratteristiche morfologiche e il paesaggio: Capraia é vulcanica, il Giglio e l'Elba sono prevalentemente granitiche-calcaree, Pianosa e Giannutri calcaree, Montecristo e Gorgona granitiche.

Le isole, anche se diverse, sono accomunate da una caratteristica principale: la natura selvaggia del paesaggio, la bellezza della natura e la vista mozzafiato sul mare e sulla costa Toscana. Allo scopo di mantenere inalterato il più possibile il loro ricco patrimonio faunistico e floristico e del mare circostante è nato il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, il più vasto parco marino d’Europa che tutela 56.766 ettari di mare e 17.887 ettari di terra. Il territorio del parco risulta perlopiù integro, con ambienti ancora incontaminati. La vegetazione che predomina è la macchia mediterranea che riunisce numerosi habitat differenti popolati da specie rare di flora, alcune piante sono addirittura esclusive e peculiari delle singole isole.

Anche la fauna presenta peculiarità e rarità come il più raro gabbiano del Mediterraneo, il Gabbiano Corso, tutelato dalle direttive europee e scelto come simbolo del parco. L'Arcipelago è un punto di sosta e di nidificazione per molti uccelli migratori. In questo tratto di mare sono inoltre molto frequenti gli incontri con delfini e balene: per questo il delicato ambiente marino è stato "protetto" con l’istituzione del Santuario dei Cetacei che va oltre l’Arcipelago estendendosi fino alla parte alta del Tirreno.

Il ricco ecosistema marino dell'Arcipelago è dovuta anche alla varietà delle coste e dei fondali di questo tratto affascinante di mare, dalle piccole e nascoste spiagge dell'Elba alle falesie rocciose della Capraia occidentale. Quest’oasi naturale, grazie al clima mite di cui gode, attrae turisti in ogni stagione: qui è possibile praticare varie attività sportive, dalla vela alle immersioni, compiere percorsi escursionistici e artistici, visitare spiagge incontaminate, insenature, calette e secche.

(ToscanaGo, 11 gennaio 2015. Scopri i ristoranti sulle isole toscane)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Web Soft

Isola d'Elba

Isola del Giglio

Isola di Montecristo

Capraia: cala rossa