Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Pianosa: l'isola dei fantasmi

Pianosa, situata nella parte meridionale dell'arcipelago toscano, è una delle isole più protette della regione: nell'area di pertinenza sono vietate la pesca, la navigazione senza autorizzazione, le immersioni. Le visite guidate sono possibili solo da aprile ad ottobre.

Pianosa è una delle isole più incontaminate e selvagge dell'Arcipelago toscano: nel 1998 è entrata a far parte dell'appena istituito Ente Parco Nazionale che ne protegge la zona marina e prima di allora era usato come carcere (istituito come colonia penale agricola dal Granducato di Toscana nel 1858), in tempi recenti anche di massima sicurezza per appartenenti alle mafie condannati al 41 bis, guadagnandosi per questo il nomignolo di isola del diavolo.

Oggi l'isola mantiene quel suo fascino retrò, con molte zone abbandonate che la rendono quasi un luogo di fantasmi, soprattutto grazie all'aspetto del vecchio pasino che animava il molo che si presenta così come è stato lasciato: con muri che cadono a pezzi, abitazioni pericolanti, insegne scolorite dal tempo.

Pianosa presenta comunque anche molti edifici che meritano di essere visti: dal Palazzo della Specola, un complesso fortificato ideato nell'Ottocento dall'ingegner Ponticelli che vi fuse in maniera eclettica elementi neogotici con elementi arabeggianti, alla chiesa di San Gaudenzio con navata unica e volta a botte. Interessante anche il Forte Teglia, altro complesso fortificato, che sorge a ridosso del mare e che fu anch'esso progettato dall'ingegner Ponticelli per ordine di Napoleone Bonaparte: nel 1986 Madre Teresa di Calcutta, di passaggio in visita al carcere, fece istallare qui una statua della Vergine Maria visibile ancor oggi.

Nonostante sia un'isola di circa 10 chilometri quadrati è possibile fare il bagno solo a Cala Giovanna e, ad eccezione del villaggio, le altre zone possono essere visitate esclusivamente attraverso visite guidate: da non perdere quella alle catacombe del III-IV secolo, costituite da gallerie molto basse oggi percorribili per circa 110 metri alle quali si accede da una grotta nei pressi del porto.

Dal 2011 sull'isola è possibile anche pernottare, grazie al piccolo hotel Milena, unico albergo di Pianosa con solo 20 posti letto ed annesso ristorante gestiti entrambi dalla cooperativa San Giacomo.

(ToscanaGo, 11 maggio 2013. Scopri dove mangiare e dormire sulle isole toscane)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Web Soft

Isola d'Elba

Isola del Giglio

Isola di Montecristo

Capraia: cala rossa