CarraraMarble Weeks 2013

>>> Guarda i video di CarraraMarble Weeks 2013.

Fotografie gentilmente concesse da Lorenzo Marchini di Carrarafiere.

"È stato un lavoro appassionante che ha coinvolto Amministrazione e Istituzioni, aziende private e pubbliche, imprenditori e artisti con un solo obiettivo: proporre un’edizione ancora più ricca di contenuti e di suggestioni, un evento che vuole mettere al centro la città con la sua grande offerta culturale fatta di arte e di memorie" - Il sindaco di Carrara, Angelo Zubbani, ha aperto così la conferenza stampa di presentazione di CarraraMarble Weeks 2013, ormai “un appuntamento fisso dell’estate che mette fra gli obiettivi la valorizzazione del centro storico per qualificarlo sempre di più come contenitore attivo e propositivo di eventi, declinando al presente i valori della nostra cultura e quel rapporto unico che lega la città al marmo. In questa edizione abbiamo scelto il gioco di squadra coinvolgendo Istituzioni e Associazioni: ciascuno di loro ha portato un contributo importante, non solo di idee. Oggi possiamo dire di essere soddisfatti del progetto che ci aiuterà a far conoscere e apprezzare ancora meglio Carrara per il grande patrimonio di arte, storia, cultura e saperi che è in grado di proporre ma anche per la sua capacità di attualizzare l’offerta e comunicare i suoi valori culturali e sociali.”

CarraraMarble Weeks 2013 sarà inaugurata venerdì 28 giugno e sarà il frutto del lavoro di un comitato di indirizzo al quale hanno partecipato, assieme a CarraraFiere che resta la struttura di riferimento per la realizzazione del progetto, Camera di Commercio, Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara, Associazione degli Industriali e Accademia di Belle Arti assieme ad un gruppo di professionisti che ha sviluppato le linee guida. Obiettivo principale dell’evento, ancora organizzato da CarraraFiere, è quello di elevare la qualità della comunicazione delle eccellenze della città con iniziative realizzate nel centro storico della città coinvolgendo i soggetti che producono cultura, organizzano eventi e sono impegnati nel rilancio dell’immagine di Carrara e nella valorizzazione del centro storico. È un lavoro molto complesso che prevede, sotto la supervisione di CarraraFiere e con il contributo di AMIA ed ERP, il coinvolgimento diretto di un nutrito gruppo di aziende del marmo che, oltre a sostenere l’evento, organizzeranno iniziative o allestiranno spazi con pezzi di design o di lavorati particolarmente significativi. Tutto questo comporta un “gioco di squadra” molto importante che ha coinvolto, oltre ai soggetti istituzionali anche nuovi contributi artistici e professionali per ampliare la presenza del settore artistico e per creare collegamenti e sinergie fra la città e CarraraMarble Weeks. Mentre Silvia Nerbi e Paolo Armenise hanno continuato a curare il progetto generale come nelle passate edizioni, Luciano Massari ha dato un importante contributo per realizzare una mostra di scultura che sarà ospitata in una sala straordinaria come quella dell’Ex convitto Vittorino da Feltre, Corrado Lattanzi, a sua volta, ha curato la realizzazione di un percorso che, con una rimodulazione degli spazi di via Verdi, crea un collegamento fra i luoghi simbolo e i contenitori culturali più significativi coinvolgendo direttamente il centro storico della città.

“Gli eventi, le mostre, le iniziative e i convegni che abbiamo pianificato sono davvero tanti e creano un’offerta straordinaria che tocca tutte le aree artistiche e culturali della città e del marmo. Siamo partiti dalle esperienze maturate nelle passate edizioni per migliorare ulteriormente la qualità di un evento che è diventato in breve appuntamento che non coinvolge solo Carrara ma ha una valenza molto più ampia – ha detto Paris Mazzanti direttore di CarraraFiere fornendo in dettaglio alcune anticipazioni – perché si arricchisce di tre nuovi elementi: una sezione molto ampia dedicata all’arte, un coinvolgimento strutturale del centro di Arti Plastiche, la partecipazione di un nutrito gruppo di aziende, del marmo e non solo, che allestiranno autonomamente spazi prestigiosi in piazze particolarmente importanti il tutto con un elemento di raccordo strutturale: via Verdi che sarà la strada dell’arte e l’asse sul quale scorrerà il flusso dei visitatori in movimento fra i diversi epicentri attraverso i quali si svilupperà l’evento che non sarà solo esposizione statica ma è stato progettato per rappresentare una riappropriazione collettiva della città anche attraverso una partecipazione diretta agli eventi”. Carrara Marble Weeks ripercorrerà il palinsesto delle passate edizioni con una suddivisione creata per facilitare la lettura e la fruizione complessiva.

L’accesso al perimetro urbano sarà caratterizzato da due spettacolari portali, uno su via Roma e uno su corso Rosselli. La città è stata suddivisa in zone che avranno come asse via Verdi, “strada della cultura e dell’arte” rivisitata negli spazi per collegare i punti di forte valore simbolico in un percorso che parte dal Museo di San Francesco per scendere verso il centro toccando il Palazzo Binelli sede della Fondazione Cassa di Risparmio e l’Accademia di Belle Arti, collocando via Roma al centro del percorso che si dispiegherà verso piazza D’Armi, il Duomo, la piazza delle Erbe, Piazza Alberica e Corso Rosselli fino all’asse del Carrione, alla Chiesa delle Lacrime e all’ex Ospedale di San Giacomo. Anche la piazza del Teatro degli Animosi diventerà location di eventi come molti fondi commerciali riattivati per ospitare eventi, iniziative e mostre di pittura, scultura e design mentre il piano terreno di Palazzo Pisani sulla via Loris Giorgi, oltre ad essere info point e punto nevralgico dell’organizzazione accoglierà spazi dedicati al design. Fra gli elementi più significativi tre installazioni spettacolari presentate a Milano alla Settimana del Design e collocate nel Cortile dell’Università.

L’arte sarà protagonista con ben sei mostre allestite rispettivamente nell’Aula Magna dell’Accademia, nella sala del Convitto, a Palazzo Binelli, nella Chiesa delle Lacrime oltre ad una mostra di opere monumentali dedicata a Antoine Poncet, esponente del linguaggio astratto, ospitata nel centro arti Plastiche di San Francesco, che si estenderà anche nella piazza XXVII aprile antistante gli storici studi Nicoli, creando un dialogo con il Simposio di scultura che si svolgerà sul lato a monte della piazza. Evento espositivo di punta sarà la MOSTRA 1957/2010: UN PERCORSO NELLA STORIA DELLA BIENNALE DI SCULTURA DI CARRARA, curata da Lucilla Meloni e ospitata all’Accademia di Belle Arti. L’intento è quello di offrire uno spaccato storico della Biennale dalla prima edizione del 1957 e si articola in due nuclei tematici. Il primo è costituito dalle opere di proprietà del Comune già allestito presso il Centro di Arti Plastiche di Carrara con lavori di grandi artisti del novecento.

Il secondo, ospitato nell’Aula Magna dell’Accademia (Palazzo Cybo Malaspina) propone un percorso di esemplarità all’interno della storia dell’arte italiana con opere di artisti che hanno partecipato alle diverse edizioni della Biennale Internazionale di Scultura di Carrara, evento di grande portata nel panorama storico-artistico contemporaneo che sarà anche all’origine del dibattito che si svolgerà in città nel mese di luglio. Il 12 e 26 luglio (ore 21.00), nel giardino di Palazzo Binelli si terrà la rassegna Illuminations, incontri, moderati da Pietro Gaglianò e accoglieranno un parterre di ospiti composto da giornalisti di settore che si confronteranno sulle tematiche inerenti le Biennali e, più in generale, le grandi manifestazioni artistiche, come motore di sviluppo e vivibilità di un territorio. LE SALE DI PALAZZO BINELLI ospiteranno due mostre per due artisti.

Al piano terra Gianni Colosimo, una delle voci tra le più originali dell’arte italiana degli ultimi anni con la mostra L’ARCANA PROFEZIA DELLE SETTE VACCHE TIBETANE, mentre al primo piano Luciano Massari dialogherà attraverso le sue opere, sculture e carte, con il corpus canoviano custodito all’interno del palazzo. L’Aula Magna dell’Ex-Convitto Vittorino da Feltre (Liceo Artistico) sarà la sede della personale di Abel Herrero artista cubano che presenterà una serie di sculture.

Alla Chiesa delle Lacrime, infine, sarà allestita una mostra che mette in stretta relazione arte, architettura e design affidata a Donia Maaoui e Michel Boucquillon. Un’occasione per ammirare la fusione di elementi scultorei, oggetti d’uso, architetture e forme dell’abitare in un programma di opera d’arte totale. Nel mese di agosto è prevista l'esposizione di proposte e progetti di Associazioni e realtà artistiche presenti a Carrara e nel territorio Regionale.

“L'Accademia partecipa con convinzione a questa edizione – ha detto il presidente Simone Caffaz – con una mostra curata da Lucilla Meloni che aggiunge al panorama degli eventi un'esposizione fortemente identitaria della storia della città con il meglio delle Biennali in città e degli artisti che vi hanno partecipato. L'obiettivo è quello di esprimere la centralità di Carrara nel mondo dell'arte e della scultura e nelle loro trasformazioni attraverso le opere esposte fin dal 1956 prima edizione della manifestazione”. La struttura del Centro PARETRA ospiterà eventi dedicati alla sperimentazione nel campo del Design mentre altre iniziative si svolgeranno nel grande spazio della galleria che collega via Roma con via 7 Luglio. Martinelli Luce, storico partner realizzerà due spettacolari installazioni di luce in Piazza Alberica mentre Poltrona Frau proporrà una mostra che avrà come tema le abilità manuali necessarie per realizzare il manufatto artistico all’interno dello storico Atelier Gazzillo.

La Camera di Commercio sta organizzando un incoming di architetti stranieri che si confronteranno con le aziende mentre IMM/CarraraFiere, in collaborazione con l’AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE sta organizzando un incoming di architetti provenienti dai principali Paesi europei e assieme, ad Interni sta mettendo a punto un evento che avrà come protagonista Philippe Daverio ormai una presenza fissa per Carrara marble Weeks. Carrara Marble Weeks “non è solo un evento prettamente culturale ma ha generato ricadute importanti sul tessuto commerciare e produttivo della città - ha detto il presidente della Camera di Commercio Norberto Ricci - stimolando decisamente un processo virtuoso che genera ricadute importanti anche sul terziario e, proprio per questo abbiamo voluto essere parte attiva dell’evento”. Soddisfatto del risultato anche il presidente dell’Associazione degli Industriali Giuseppe Baccioli “per la disponibilità delle nostre aziende a sostenere concretamente l’iniziativa. Siamo orgogliosi di aver dato il nostro contributo a far si che proseguisse un evento che valorizza la città e un territorio che, muovendo da un passato di assoluto valore può costruire un grande futuro”.

Per la FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA “questo è un evento rilevante per valorizzare le risorse della Città in un percorso di riscoperta e riappropriazione della sua cultura. Compito primario della Fondazione è quello di supportare queste azioni ha – detto il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara Alberto Pincione – e noi lo facciamo sia assicurando il nostro sostegno sia con iniziative che organizzeremo direttamente. Carrara Marble Weeks, oltre ad avere un grande appeal è, per noi, anche un ponte verso Con_Vivere (il festival si svolgerà dal sei all’otto settembre) che approfondirà i temi legati all’America Latina oggi più che mai di attualità. Per questo, assieme ad altre attività che si terranno nel mese di luglio, abbiamo programmato un concerto di musiche messicane mentre il nostro Palazzo Binelli ospiterà, oltre alla mostra dei Gessi di Canova, anche dibattiti e conferenze”.

Fra gli spettacoli serali che arricchiranno la manifestazione anche una serie di esibizioni spettacolari del Flying Hands Circus Company anche un concerto di musica sudamericana. I concerti e gli spettacoli si svolgeranno fino a fine luglio ogni venerdì e sabato nella magica cornice di Piazza Alberica sempre più cuore pulsante della città e di CarraraMarble Weeks.

(CarraraMarble Weeks, comunicato stampa)


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.



ToscanaGo non è un'agenzia di viaggi o un tour operator: non ci occupiamo di prenotazioni alberghiere nè vendiamo o rivendiamo pacchetti turistici o altro.
ToscanaGo è un blog personale, non periodico, nel quale raccontiamo la Toscana in base alla nostra personale esperienza.

Chi siamo | Copyright | Informativa Privacy | Note legali | La tua pubblicità su ToscanaGo | ToscanaPedia 
Copyright ©ToscanaGo 2012-2020 - Tutti i diritti riservati - E' vietata qualsiasi riproduzione di fotografie e testi - Partita Iva 01809400474

Realizzazione Portale Turistico e di Informazione