Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Speciale Crazyrun

Crazyrun 2014Rombo di motori, mappe stradali, polveroni sullo sterrato e adrenalina. Ma anche nuove amicizie, divertimento puro, travestimenti, goliardia e lyfestyle. La Crazyrun è tutto questo e molto di più: una gara di regolarità abilmente vestita con l'abito friendly della caccia al tesoro. Cinquecento chilometri suddivisi in tappe da percorrere in due giorni, cartina alla mano e navigatore in modalità on, attraversando paesaggi da sogno tra balle di fieno, campi di girasoli, monumenti storici e vigneti profumati, costantemente sotto i riflettori di fotografi, giornalisti, cameramen! Sulle strade italiane, l'evento motoristico a metà strada tra gara di regolarità e caccia al tesoro, ispirato alla vecchia ed indimenticabile Cannonball (alla quale furono dedicati film come La corsa più pazza del mondo e La corsa più pazza d'America) riportata in auge dalla Gumball 3000.

  • Il 9/10 maggio 2015 si è svolta la terza edizione: scopri il racconto tappa per tappa della Crazyrun 2015.

FOTO COPYRIGHT TOSCANAGO © RIPRODUZIONE RISERVATA

I toscani, lo sappiamo, sono persone un po' matte di natura: geni, inventori, artisti e navigatori. La Crazyrun, la corsa più pazza d'Italia, non poteva che nascere in questa straordinaria regione dagli aspetti contrastanti e contrastati. L'idea è venuta ad alcuni appassionati di auto e di corse motoristiche: perché non organizzare un evento automobilistico in grande stile, facendo percorrere le affascinanti strade italiane da equipaggi a bordo di vetture più o meno potenti, auto d'epoca e supercar, guidandoli tra un checkpoint e l'altro solo attraverso indizi "accennati" ed enigmi da risolvere? Così è stato. In poco tempo è stata messa in piedi una sorta di piccola start-up che ha dato vita alla Crazyrun.

Cos'è realmente la Crazyrun? Definirla una gara di regolarità su strade aperte al pubblico e al traffico quotidiano sarebbe riduttivo perché sì, è anche questo (ogni tappa va percorsa in un tempo prestabilito senza poter sforare né in eccesso né in difetto il tempo regolamentare indicato dagli organizzatori) ma la Crazyrun è davvero una "corsa pazza" come dice il nome stesso. All'inizio di ogni tappa ciascun equipaggio parte con in mano soltanto una busta sigillata, identica per tutti, e nessuno sa dove si trovi il checkpoint intermedio: gli indizi per identificarlo sono contenuti all'interno della busta su un foglio formato A4 con enigmi da risolvere per scoprire il traguardo successivo da raggiungere secondo un percorso non prestabilito (ogni team può scegliere le strade che reputa migliori e/o più veloci) e prove da superare lungo il tragitto per evitare all'arrivo punti di penalizzazione che peggiorerebbero la propria posizione in classifica generale.

Crazyrun è un affascinante occhio del grande fratello di Orwell pronto ad immortalare ogni singolo fotogramma dell'avventura motoristica dei team partecipanti facendoli sentire come il centro del mondo per due indimenticabili giorni: fotografi che rubano scatti delle vetture nascosti tra i rami di un albero, microfoni pronti a spuntare improvvisamente durante una sosta per intervistare i concorrenti al volo sull'andamento della propria gara e sulle sensazioni provate, telecamere ad ogni angolo per documentare le varie tappe!

Una "gara" automobilistica non certo di velocità in cui anche il rispetto del codice della strada è un elemento importante: ciò che conta è la regolarità da mantenere durante il percorso, e, soprattutto, una buona dose di abilità mentale e di rapidità d’intuito nel decifrare gli indizi forniti e individuare così il percorso più breve per raggiungere il checkpoint successivo: il motto ufficiale della Crazyrun è proprio "Rally fast, think faster"! Avventura pura, insomma, e riscoperta di emozioni semplici e dimenticate come il "perdersi" in aperta campagna: può succedere anche questo e, magari, una telecamera sarà proprio dietro l'angolo a documentare quel vostro momento di smarrimento!

Dall'esterno potrebbe sembrare un gioco abbastanza facile ma in realtà non lo è. Ogni tappa è differente dalle altre, sia per numero di chilometri da percorrere che per tortuosità del tragitto, e ciascun checkpoint da scoprire si caratterizza oltre che per un differente grado di difficoltà di individuazione anche per una diversa tipologia di un enigma: si va dalla semplice segnalazione di coordinate satellitari, facilmente rintracciabili con un normale impianto gps, alla risoluzione di indovinelli che richiedono doti di strategia, logica mentale e conoscenze geografiche. In gara vale tutto: dalla comune cartina geografia cartacea (che a volte, nonostante tutto, può ancora servire) all'uso di dispositivi di navigazione come gps e smartphone, dalla telefonata all'amico che magari conosce la zona che si sta attraversando (o addirittura ci vive) alla richiesta di informazioni ai passanti, fino al più banale inseguimento di qualche avversario nella speranza che "l'altro" sappia dove andare.

E poi c'è la festa notturna: nel tardo pomeriggio del primo giorno di gara le vetture vengono "parcheggiate" e i partecipanti accolti in un hotel di lusso con piscina, centro benessere e lounge bar dove potranno rilassarsi, sorseggiare in tutta tranquillità (finalmente!) un aperitivo e approfondire la reciproca conoscenza scambiandosi le proprie opinioni sulle prime, impegnative tappe e condividendo momenti di relax e divertimento in attesa della cena di gala e della festa che andrà avanti fino a notte fonda.

(Andrea Gervasi, 25 maggio 2015)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


La "official preview" in alta definizione del Crazycam 2014:

ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Pubblica la tua foto su ToscanaGo

Info Provincia di Pisa

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Forum


Il forum gratuito di ToscanaGo
(accedi con password di registrazione al sito)