Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

L'Autodromo di Pontedera

Il circuito, già denominato "Autodromo Giovanni Alberto Agnelli", risulta progettato in modo tale da poter essere utilizzato anche secondo due tracciati distinti e avrà una larghezza minima di 12 m e massima di 16 m, misurando complessivamente 3.500 m; inoltre secondo le più moderne normative di categoria, nonché secondo i più aggiornati sistemi di calcolo e simulazione, vi saranno vie di fuga opportunamente dimensionate.

Immagini e testi tratti dal sito ufficiale.

Leggi anche: Mazzanti Automobili e Autodromo di Pontedera: sinergia è fatta.

Il Progetto dell'autodromo di Pontedera è stato affidato ad una delle più note firme del design internazionale negli autodromi, l'italiano Jarno Zaffelli. Autore di numerosi progetti, dall'Autodromo di Termas de Rio Hondo, in Argentina, al Mooresville Motorplex in North Carolina (USA), ai miglioramenti di Imola, del Mugello, oltre alle consulenze per Misano, Varano e San Martino del Lago, lo studio Dromo si occupa di progettazione altamente specializzata di impianti motoristici.

Attivo dall'ormai lontano 2000, Jarno Zaffelli ha sviluppato nel progetto della Tenuta Isabella un tracciato che coniuga le esigenze di gestione con le richieste dell'appassionato, in un impianto flessibile che allontana i concetti di circuito "stop and go" come troppi se ne vedono. Pontedera avrà un circuito "bello da guidare", non solo "bello da vedere", perchè progettato e costruito intorno all'utente, con le caratteristiche ideali per essere omologato con le Federazioni Internazionali sia auto che moto, e un livello di sicurezza ed integrazione più alto degli autodromi tradizionali, progettato con il sistema DroCAS™. DroCAS™ è un software unico sviluppato da Dromo specificatamente per la progettazione dei circuiti, calcolando le vie di fuga in base a tutti gli utenti e non solo per auto, come erroneamente ancora oggi viene fatto molto spesso.

Come consulente per lo sviluppo dell’attività è stato incaricato Walter Sciacca, ex Amministratore delegato e Direttore generale dell’autodromo Enzo Dino Ferrari di Imola, ed esperto nella gestione di eventi e di manifestazioni internazionali.

Una volta tagliato il nastro dell’impianto ne assumerà la Direzione Generale garantendo così a sportivi ed investitori programmi ed iniziative nazionali ed internazionali.

Walter Sciacca, 41 anni nato a Palermo, da sempre in giro per gli autodromi di tutto il mondo vanta un'esperienza organizzativa ventennale con oltre 2.000 giornate di eventi in pista organizzati e gestiti, tra i quali gare auto e moto con titolazione internazionale e mondiale, è stato consulente per diversi autodromi in ambito manageriale e per lo sviluppo commerciale degli stessi in Italia e all’estero.

Accanto alla struttura sportiva specialistica, si annovera il progetto di una struttura alberghiera di 100 posti letto con annessi spazi destinati alla ristorazione, alla convegnistica, alle attività sportive. Si aggiunge ai nuovi manufatti anche la trasformazione dell'attuale edificio attrezzi della tenuta in spazio per l'intrattenimento musicale, teatrale ed espositivo. Parcheggi privati e di relazione completeranno la dotazione infrastrutturale, conferendo al complesso quella connotazione più volte sottolineata capace di costituire una forte attrazione per tutto l'interland ed essere, nel contempo, meta di visitatori extra regionali.

Il progetto prevede un investimento privato da 30 milioni di euro e l'intervento di una società romana che costruisce autodromi in tutta Italia.

(Autodromo di Pontedera, presentazione del progetto)


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Web Soft