Contenuto Principale

Toscana a cavallo: dal Parco della Maremma a San Rossore

Sabato 18 maggio 2013 è stata inaugurata la prima tratta del progetto A Cavallo nei Parchi Toscani, che va da Coltano, nel Parco naturale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli, fino ad Alberese, nel grossetano, all’interno del Parco Regionale della Maremma: l’itinerario si estende complessivamente per 282 chilometri e richiede dieci giornate di viaggio per essere completato..

Fotografie a cura di Luca Filidei.

Il progetto A Cavallo nei Parchi Toscani, che si inserisce nel solco di analoghe iniziative regionali, si propone come obiettivo principale l'incremento, lo sviluppo e l'esercizio sostenibile del turismo equestre attraverso una fruizione controllata ed integrata delle aree protette presenti sul territorio regionale. L'idea, lanciata verso la fine degli anni Novanta su spinta dell'Ente Parco regionale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli, è stata infatti sviluppata più ampiamente dalla Regione Toscana, anche sulla scorta degli ottimi risultati fatti segnare dei diversi interventi realizzati nel settore della cultura ippica, allo scopo di promuovere la conoscenza del territorio attraverso le attività connesse agli sport equestri.

Anche quest’anno le zone umide costiere del parco regionale, che danno ospitalità a numerose specie, si sono confermate tra le più importanti della Toscana; per alcune di esse la valenza è persino nazionale. Alcuni uccelli migratori, poco noti al grande pubblico, arrivano direttamente dalle zone orientali e settentrionali del Vecchio continente per trascorrere l’inverno all’interno delle riserve del Parco: è il caso dell’aquila anatraia minore (Aquila pomarina), proveniente dalla steppa della Russia eurasiatica, o dell’orco marino (Melanitta fusca), un tipo di anatra marina che nidifica nei paesi scandinavi e dalla Russia, inclusa tra le specie a rischio di estinzione nella Red List IUCN e nell’Accordo sulla conservazione degli uccelli acquatici migratori dell'Africa-Eurasia, più noto come AEWA.

E ancora, a popolare le zone umide a terra e gli specchi d’acqua dolce e salata del Parco, sono centinaia di oche, decine di gru (Grus grus) e migliaia di pavoncelle e anatre di superficie: una notevole varietà biologica che da sempre classifica di diritto il Parco di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli – insieme alle zone di Orbetello e al territorio Parco della Maremma – tra le aree protette più importanti della Toscana e d’Italia per la conservazione di tali specie.

Le ippovie rappresentano in generale una rete di servizi logistici che consente a chiunque ami il cavallo – il mezzo di trasporto più adatto a permettere, all’interno delle aree protette, spostamenti dei visitatori all’insegna della piena sostenibilità – di poter fruire in sicurezza dei tracciati individuati all'interno di ciascun territorio coinvolto, per la cui definizione all’interno dei percorsi di “A cavalli nei parchi toscani” si è tenuto conto anche della presenza di attrazioni turistiche a valenza storica, culturale, artistica ed enogastronomica così da poter soddisfare, in maniera più completa, le diverse esigenze dei fruitori.

L’ottimizzazione dei percorsi è stata affiancata ad una attenta valutazione della sicurezza degli escursionisti, garantita oltre che dalla individuazione delle tratte più idonee anche dall’attivazione, per l’intera lunghezza dei tracciati, dei servizi assicurati per il benessere sia del cavallo (veterinario, maniscalco, selleria, ecc.) che del cavaliere (vitto, alloggio, prodotti tipici, informazioni turistiche, ecc.). Inoltre la costante disponibilità di guide equestri qualificate ed abilitate all'esercizio della professione risulta importante per assicurare all’escursionista una piena fruizione dei tracciati percorsi. Gli operatori, infatti, oltre a prestare l’assistenza necessaria al superamento di eventuali difficoltà di percorso, potranno fornire anche alcuni elementi base dell'educazione ambientale accrescendo la coscienza ecologica dei partecipanti e rafforzandone il senso di appartenenza con il territorio.

(Ente Parco Regionale di Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli, comunicato stampa 18 maggio 2013)


Web Soft