Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Abetone

A metà strada tra gli antichi Granducato di Toscana e Ducato di Modena è oggi la principale località sciistica della Toscana dove è possibile villeggiare anche d'estate praticando numerose attività come trekking, escursioni, freeride e downhill.

  • Sci: il comprensorio sciistico dell'Abetone si snoda per circa 50 chilometri di piste divise in 30 tracciati
  • Abetone Gravity Park - Percorrere 700 metri di dislivello in 7 minuti con la mountain bike: è il parco per freeride e downhill dell'Abetone
  • Scopri l'Abetone in moto
  • Abetone app: l'applicazione ufficiale per controllare lo stato degli impianti sciistici dell'Abetone, il meteo e le webcam (con la speciale funzione "chiamata di emergenza" e visualizzazione coordinate GPS)

L'Abetone, comune fondato nel 1936, è la principale località sciistica della Toscana e una delle principali mete di montagna della regione.

Luogo di villeggiatura sia estiva che invernale fin dal 1904, anno in cui l'area cominci ad essere utilizzata per la realizzazione di piste da sci, l'Abetone ha una vocazione prettamente turistica con possibilità di praticare attività di montagna molto varie: dagli sport invernali al trekking, al freerifde e downhill in mountain bike.

L'Abetone lega il suo nome a quello dello sciatore italiano Zeno Colò, nato proprio nel comune il 30 giugno 1920, campione mondiale e olimpico negli anni 1950 e fra i più forti sciatori di tutti i tempi.

Il comprensorio sciistico si snoda per circa 50 chilometri di piste divise in 30 tracciati (di cui tre progettate proprio da Zeno Colò) e servite da 22 impianti di risalita.

All'Abetone si trovano le due famose piramidi disegnate da Leonardo Ximenes, erette sul confine fra il Granducato di Toscana e il Ducato di Modena nel periodo in cui l'ingegnere siciliano progettò e realizzò la parte "toscana" della Strada Regia Modenese (il cosiddetto valico dell'Abetone), costruita tra il 1766 e il 1776 per volere del Granduca di Toscana Pietro Leopoldo e del duca di Modena Francesco III per collegare il Granducato di Toscana e il Ducato di Modena.

(ToscanaGo, 29 luglio 2013)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Web Soft