Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Da Delfina, ristorante ad Artimino

Cucina tipica toscana con qualche leggera variante per un locale che da sempre si distingue per le tradizioni regionali, la carne alla brace cotta nell'enorme caminetto interno e i prodotti locali.

Seconda tappa ad Artimino per completare il nostro speciale sul borgo medioevale e secondo ristorante provato: stavolta siamo andati a pranzo al famoso Da Delfina in zona conosciutissimo e molto apprezzato per provarlo in prima persona.

La storia del ristorante è strettamente legata a quella della villa medicea La Ferdinanda. Delfina era infatti una delle donne di servizio della famiglia i Dobrowolny, i veneziani che gestivano un tempo la tenuta, e presso la cui casa ha imparato i primi segreti della cucina: successivamente sposò uno dei guardacaccia della Riserva Granducale della Fattoria di Artimino e nella sua casa vennero sempre più spesso ospitati i turisti in visita alla Villa finchè un giorno, visto il successo, Delfina decise di trasformare quei locali in cui viveva nella trattoria ancora oggi in attività.

E' fine giugno e per nostra fortuna il tempo, nonostante quest'anno l'estate abbia tardato ad arrivare, c'è il sole: la terrazza esterna del ristorante è apparecchiata e il panorama delle colline toscane semplicemente impareggiabile. Ci sediamo e mentre diamo un'occhiata al menù il nostro sguardo viene distratto continuamente dalla vista della splendida villa La Ferdinanda che quasi riusciamo a toccare con mano.

Iniziamo con due antipasti a metà, in modo da provarli entrambi: un tortino di cipolle dolci e la mousse di fegatini (ottenuta con cottura a bagnomaria) con salsa balsamica, davvero molto molto delicata e che non esistiamo a definire preferibile persino al foie gras.

Come primo abbiamo preso i ravioloni con ripieno di melanzane con pomodoro e basilico: non fatevi ingannare dalla foto, le porzioni sembrano ridotte per il semplice fatto che ci siamo fatti dividere a metà un unico primo per non esagerare visto che eravamo in zona per fare alcuni reportage fotografici e quindi ci attendeva un intero pomeriggio di "duro" lavoro.

Per secondo abbiamo ordinato fiori di zucca con ripieno di formaggio e petto d'anatra con acciugata, una salsa tipica toscana nota anche come salsa del Valdarno e fatta con capperi, acciughe e olio extravergine d'oliva. Con l'anatra ci è stato servito anche il suo contorno, una purea di patate.

Abbiamo accompagnato il pranzo con alcuni vini al bicchiere prodotti dalla tenuta di villa Artimino: il Vin Ruspo (un rosato di Carmignano che avevamo già apprezzato molto sentendolo la prima volta al ristorante Biagio Pignatta) e un rosso più corposo, un Carmignano cru che viene ottenuto da due botti selezionate dalla stessa direzione del ristorante Da Delfina tra quelle della tenuta.

Dopo aver mangiato molto bene eravamo un po' perplessi sul dolce, che dalla carta ci sembravano abbastanza semplici, eppure i responsabili del ristorante ci hanno stupiti ancora: abbiamo ordinato seguendo il loro consiglio il budino di yogurt con ciliegie cotte ed un cuore nascosto di amaretto croccante che si è rivelato buonissimo.

La nostra esperienza non è finita con il caffè. Dopo pranzo infatti il mitico Carlo Cioni, figlio di Delfina, che ama distinguersi dicendo che Da Delfina si fa ancora "da mangiare" e non ristorazione, si è intrattenuto a fare qualche chiacchiera con noi e ci ha raccontato qualche aneddoto facendoci visitare sia le celle frigorifere (dove abbiamo trovato una pulizia ed un ordine davvero lodevoli) sia la cantina. La frase più bella che abbiamo ascoltato dalla sua bocca è rappresentata dalla definizione che gli ha "cucito" addosso un amico imprenditore che frequenta il suo ristorante: "un contadino innestato ad uomo", parole che ben sottolineano il forte legame di Carlo con i prodotti della terra freschi e genuini che propone in tavola e che, in buona parte, coltiva personalmente.

(ToscanaGo, 15 luglio 2013. Guarda i contatti del ristorante nella scheda Mangiare e dormire a Prato e dintorni)

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Visualizzazione ingrandita della mappa

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Provati da ToscanaGo: legenda voti


I ristoranti Provati da ToscanaGo sono quelli nei quali abbiamo trovato prodotti di qualità, locali o comunque tipici/dop/presidi slow food. I prezzi indicativi vanno da (20-25 euro a persona) a €€€€€ (oltre 100 euro a persona) in base alla fascia di prezzo e da GO a GOGOGOGOGO in base a quanto vale la pena andare a provare un posto. ATTENZIONE: un singolo GO non significa insufficiente, tutti i posti da noi segnalati valgono almeno un bel 7 in pagella e chi merita meno non sarà mai inserito tra i Provati da ToscanaGo:
GO: 7
GOGO: 8
GOGOGO: 9
GOGOGOGO: 10
GOGOGOGOGO: 10 e lode

Info Provincia di Prato

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Sagre e feste di paese in Toscana