Contenuto Principale

Lascio tutto e divento cantiniere": Fabrizio Savino (Salcheto) il migliore dell'anno

Fabrizio SavinoA Tre Berte (Montepulciano), per la Fiera dell'Agricoltura, assegnato il premio promosso dal Consorzio del Vino Nobile. Nella serata celebrati anche i passati vincitori. Paolo Solini (Coordinatore del Consorzio): "Un appuntamento storico per raccontare e premiare una figura professionale fondamentale per la cantina nell'anno del 50° della fondazione del Consorzio".

Immagine allegata al comunicato stampa.

E' un perito elettronico "riconvertito" al vino, il vincitore della 14.a edizione del premio Cantiniere dell'anno di Montepulciano, patria del Vino Nobile. Fabrizio Savino viene da Vigevano, provincia di Pavia, 45 anni, perito elettronico come detto, ma anche Sommelier. Nella sua vita lavorativa si è occupato di macchine per ufficio ma soprattutto di computer fino ad essere responsabile assistenza tecnica estero di macchine di automazione industriale. Poi nel 2000 la folgorazione, il trasferimento a Siena, una breve esperienza nella ristorazione e, dal 2001, responsabile della cantina della azienda vitivinicola di Montepulciano Salcheto srl. Qui si occupa ovviamente di vinificazione, imbottigliamento, gestione tecnica (con l'enologo), laboratorio analisi, ma anche di confezionamento, spedizioni, gestione burocratica e dei macchinari.

Savino è il migliore cantiniere dell'anno secondo la giuria tecnica, composta dal Presidente del Consorzio Andrea Natalini, dal Sindaco del Comune di Montepulciano Andrea Rossi e dal Presidente dell'Associazione Fiera Tre Berte Nicola Giomarelli, che lo ha infatti designato dopo un lavoro di attento scrutinio e selezione tra i potenziali candidati arrivati in finale. Il premio è stato assegnato in occasione della cena-degustazione "A Tavola con il Nobile", tradizionale appuntamento di apertura della Fiera dell'Agricoltura di Tre Berte, giunta quest'anno alla 34.a edizione. «Una scelta di vita che deriva da una grande passione per la Toscana e per il vino di qualita' e che e' maturata con consapevolezza e senza rimpianti», ha detto Fabrizio Savino ritirando il premio. «Cambiare completamente attività, potermi dedicare totalmente a questa esperienza di una cantina particolare come quella di Salcheto ed in un contesto ambientale meraviglioso come Montepulciano, non può che rendermi una persona soddisfatta. Questo riconoscimento è un po' la conferma della mia scelta». La cantina di Salcheto, condotta dall'imprenditore Michele Manelli, è proprio l'elemento più significativo dell'azienda, quello che la distingue perché in quel luogo si concentrano scelte imprenditoriali, tecniche, culturali che hanno portato al premio Cantina sostenibile dell'anno 2014 del Gambero Rosso. Si tratta di una cantina off-grid, la prima in Italia, un esempio di pratiche sostenibili all'ennesima potenza.

«Il vino a Montepulciano occupa oltre mille impiegati - spiega il Coordinatore del Consorzio del Vino Nobile, Paolo Solini - e la figura del cantiniere è una di queste, fondamentale per il lavoro che segue la vendemmia perché è in cantina che si affinano e si preparano i migliori vini che poi portano in giro per il mondo questa eccellenza di Montepulciano e della Toscana, è quindi l'obiettivo di questo premio valorizzare questo ruolo che sempre di più occupa giovani».

Nella serata sono stati ricordati tutti i vincitori delle passate edizioni, presenti a ritirare una pergamena. Tra questi, in ordine decrescente di tempo, Roberta Vannozzi (Boscarelli), i fratelli Carmine e Orazio Capoccia (Avignonesi), Stefano Rubechini (Fattoria di Palazzo Vecchio), Primo Marinelli (Casale Daviddi), Marco Papini (Vecchia Cantina) Urano Carpini (Tenuta Valdipiatta), Fabrizio Dottori (Fattoria del Cerro), Dino Magi (Cantina Fanetti), Daniele Giani (Vecchia Cantina), Bruna Casagrande (Cantina Gattavecchi), Giorgio Laurini (Fassati), Enzo Barbi (Fattoria della Talosa) fino ad arrivare al primo vincitore del Premio, Adamo Pallecchi, storico cantiniere della Cantina Contucci.

Intanto sabato 9 maggio e fino a domenica, prosegue la Fiera dell'agricoltura alle Tre Berte, con molti eventi in programma. Dal mattino apertura della mostra mercato e mostra attrezzi agricoli mentre dalle ore 10 prove di dressage (cavalli) per il campionato interregionale Umbria/Toscana Uisp Lae. Alle ore 11 giro pony per bambini e alle ore 12,30 apertura stand gastronomico. Si riprende nel pomeriggio alle ore 15 con le prove di Trail Horse per il campionato interregionale mentre sempre alle ore 15 è in programma una visita a cavallo alla riserva naturale del lago di Montepulciano, con sosta al centro visite e degustazione di vini tipici. Alle 20 apertura stand gastronomico con menu tipico e piatti a base di carne chianina e alle ore 21, spettacolo di volteggio equestre.

(Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, comunicato stampa 8 maggio 2015)


Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Notizie collegate

Info Terre di Siena

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Fondazione Musei Senesi: il Chianti